, Benessere, Coworking, Inspiration, Senza categoria

Perché dovresti tenere delle piante in ufficio

Spazio 19 è verde.

Sia fuori, nel piccolo cortile, in cui cresce silenziosamente una giungla variegata; sia dentro, dove la presenza quieta delle piante, piccole o grandi, contribuisce a creare l’atmosfera della stanza in cui si trovano.

E non è un caso! I benefici della presenza delle piante nell’ambiente lavorativo sono numerosi e provati dalla scienza (questa sconosciuta).

IL COLORE DEL BENESSERE

Hai presente quella sensazione di pace che si prova attraversando un bosco antico, oppure sedendo in un grande giardino?

Non è nulla di strano: è semplicemente la tua parte più primordiale che si crogiola nel suo ambiente naturale!

L’uomo e i suoi antenati infatti hanno vissuto per millenni a contatto diretto con le piante, condizione che hanno abbandonato solo “di recente” in favore della città.

Per questo motivo il verde delle piante ha ancora il potere di rilassare i nostri sensi, il nostro corpo e il nostro cervello, tramite meccanismi del tutto involontari.

Un ambiente in cui ci sia una presenza appropriata di piante, favorisce la concentrazione e riduce lo stress.

IL SILENZIO È VERDE

È facile rimanere colpiti – quasi intimiditi – dal silenzio che regna certe volte nei grandi boschi e più in generale negli spazi ricchi di vegetazione.

Non è un caso: le piante infatti attutiscono le vibrazioni ambientali, dunque smorzano i rumori. Negli ambienti di lavoro funzionano un po’ come pannelli acustici, isolanti naturali, creando un ambiente ideale per la concentrazione.

Si dice che il silenzio sia d’oro: qui a Spazio19 abbiamo scoperto che è decisamente verde.

1… 2… 3… RESPIRA!

Anche  i bambini sanno che le piante producono ossigeno, e che l’ossigeno ci serve… beh, per vivere.

Ma le piane svolgono anche un’altra funzione importantissima: quella di purificare l’aria che respiriamo.

Infatti assorbono al posto nostro una gran serie di sostanze nocive per l’uomo che, soprattutto in ambienti urbani, sono normalmente presenti nell’aria.

Condividere il proprio spazio con le piante – soprattutto con alcune specie – contribuisce a proteggere la nostra salute.

Le piante che abbiamo scelto di ospitare a Spazio19 sono note proprio per la loro particolare capacità di depurare l’aria.

SPAZIO19 INCONTRA LA “FILOSOFIA VEGETALE”

Paolo Astruail Filosofo Vegetale – è un grande esperto di piante… e di persone.

“Appassionato di botanica, progettazione e allestimento del verde, amo visitare giardini e parchi e normalmente potete trovarmi con le maniche rimboccate intento a svasare, zappare, potare e mettere a dimora vegetali di qualunque specie. Mi piace pensare che questa mia passione possa spronare chi ama le piante a vivere la natura in prima persona, sporcandosi le mani e godendone la bellezza.”

Lo abbiamo incontrato per parlare di piante in modo non convenzionale e dare uno sguardo diverso dal solito a queste presenze gentili e silenziose.

PIANTE DEPURATRICI DELL’ARIA E ALLENAMENTO ALLA  GRATITUDINE

Uno dei fattori a cui dedico maggior attenzione lavorando sulla relazione tra persone e piante è l’allenamento alla gratitudine nei confronti del mondo vegetale.

Le piante infatti, non solo soddisfano gratuitamente tutti i nostri bisogni primari ma riescono addirittura a porre rimedio ai nostri errori: uno su tutti, la depurazione dell’aria inquinata negli ambienti in cui viviamo. Per questo non sarebbe male riconoscere il loro benefico effetto partendo proprio da un sincero “grazie”.

Non è un segreto che,  da un punto di vista sia psicologico che filosofico, la gratitudine attivi condizioni vitali positive quali  buona stima di sé, maggior empatia col prossimo, senso di appagamento, generosità, ottimismo a discapito di stati depressivi, senso di impotenza, rabbia e stress.

COME POSSIAMO ESPRIMERE GRATITUDINE NEI CONFRONTI DELLE NOSTRE PIANTE D’APPARTAMENTO?

Possiamo farlo attraverso tre sempici azioni:

  1. La cura: il primo passo è occuparci delle loro esigenze vitali come innaffiatura, concimazione, qualità del terriccio, giusta esposizione alla luce.
  2. Lo studio: conoscere il nome e le esigenze colturali della specie di cui ci prendiamo cura è la base per poter garantire al meglio le cure sopraelencate.
  3. L’osservazione: tenere d’occhio lo sviluppo delle proprie piante per identificare immediatamente problematiche e ottenere piccole-grandi  vittorie giardiniere.

Questo piccolo vademecum, che a qualcuno  potrà sembrare banale, è il fondamento della relazione con le piante che coltiviamo nei nostri ambienti casalinghi.

DUE CONSIGLI DI SPECIE TRA LE PIÙ ADATTE A DEPURARE L’ARIA IN CASA E FACILI DA COLTIVARE

1) Spathiphyllum wallisii pianta da ombra luminosa, che va innaffiata con regolarità. Riesce ad abbattere i seguenti COV (composti organici volatili) presenti in  vernici, moquette, tendaggi e mobilio: benzene, formaldeide, tricloroetilene, toluene, ammoniaca.

2)Chlorophythum comosum, anche detto nastrino, pianta anch’essa adatta a posizione ombreggiate;  la sua caratteristica è la velocità con cui abbatte benzene, xilene, ossido di carbonio e formaldeide. La sua presenza garantisce un rapido effetto depurativo dell’aria.

Coltivare queste due piante (e molte altre) ci farà sentire grati e ci permetterà di ottenere uno tra i più  potenti  benefici: respirare a pieni polmoni.

Post Your Thoughts